Home > Argomenti vari > Una poesia impegnativa

Una poesia impegnativa

30 Agosto 2008

 

    E’ ben credibile e secondo ragione

 

 

                                                     

 

                                                      Prima non c’ero, adesso esisto e vivo,

ma già da tempo attende

quella che compier fa l’altro cammino.

Più non vedrò la luce,

s’oscurerà il sole

che l’occhio cerca di colui che muore.

 

"Allor che sarò morta

tutto per me morrà",

così persona disse a me vicina,

ora mi viene in mente;

se poi a ciò credesse,

per sangue lei d’Abramo discendente,

dire non lo saprei.

 

Ma a questo io non credo,

che ‘l nulla m’imprigioni eternamente.

Fu tempo in cui non c’ero

e ancora non vivevo,

eppur da questo nulla

all’essere passai.

C’è quindi chi ha la forza

di far sbocciar la vita:

se un dì fiorir la fece,

saprà dopo la morte rinnovarla.

Dov’è allora, o morte,

dov’è la tua vittoria?

Su me non vanterai potere eterno.

 

Gesù Signore mio,

io so che Dio tuo padre,

ti liberò dai lacci della morte,

e pure a me ridonerà la vita:

non è il Dio dei morti,

dei vivi lui è Dio.

 

O versi miei,

se vi sarà lettore

che chiederà perché foste composti,

così risponderete,

e senza esitazione:

"Colui  ch’ è ‘l nostro autore,

intese dimostrare

che quel che insegna Cristo Dio Signore:

che i morti rivivranno,

è ben credibile,

e secondo ragione"..

  1. Dream
    30 Agosto 2008 a 22:14 | #1

    Che dirti? Ho letto e riletto queste tue parole,profonde e dense di domande e risposte..

    Sai io scrivo d’amore,quello tra uomo e donna.Hai ragione,sono ermetiche,perchè dedicate e dirette ad una persona che conta molto per me e che credo o m’illudo vi legga quello che altri non possono.

    Ti saluto con affetto e ti ripeto : un pò invidio le tue certezze.

    Ciao Ariosto.:)

  2. ivy
    31 Agosto 2008 a 1:54 | #2

    la morte, da cui tutto continua…

I commenti sono chiusi.